cani-a-passeggio

Cani in auto: meglio cinture o box?

 

Siamo sempre molto attenti quando si tratta dei nostri amici a 4 zampe. Cibo, sport, cure veterinarie, non gli facciamo mancare nulla sopratutto quando si parla di salute. E quando di parla si sicurezza? Siamo certi di fare le scelte migliori?
I nostri amici ci accompagnano ovunque e con noi passano del tempo, in alcuni casi anche molto tempo, nella nostra auto.

 

Ormai sono 30 anni che in Italia è obbligatorio l’uso delle cinture di sicurezza (anche se spesso vedo persone che evidentemente le ritengono superflue ma si sa che l’intelligenza non è per tutti), per gli umani funzionano ma per i cani?  Vale lo stesso?
No, per i cani purtroppo no.
In sostanza, nel migliore dei casi, la cintura per cani è troppo lunga e quindi l’animale arriva comunque a sbattere contro le pareti dell’abitacolo. La protezione migliore si ha con i kennel.

 

Il punto è che i trasporto di un cane in un veicolo dev’essere fatto in tutta sicurezza e senza stress per l’animale ed i passeggeri. La legge stabilisce che il cane non costituisca una minaccia per gli occupanti e che sia sistemato nel modo più sicuro possibile e secondo le esigenze della sua specie.
La corretta messa in sicurezza del cane può essere vitale per i cane stesso ma non solo: in caso di collisione a 50 km/h, un cane di 19 kg può sviluppare una forza superiore ai 1000 kg e diventare un proiettile mortale per i passeggeri seduti nell’abitacolo. Pensateci.
Molti tipi di sistemi di ritenuta per i cani per auto promettono la necessaria sicurezza. Il TCS ha testato 19 di questi prodotti: sei imbracature, due gabbie a griglia, due box rigidi di plastica e due di stoffa pieghevoli e sette box metallici.
 

 

Ecco i file con i risultati completi dei test effettuati:

 

Maggiorni informazioni alla pagina tcs.ch

Potrebbero interessarti: